Politica Primo piano Provincia Sicilia

Agrigento. IL Capogruppo della Lega Nuccia Palermo: “Ciò che temevo si sta verificando, l’argomento è il possibile collasso finanziario del Comune di Agrigento.”

 

 

“Ciò che temevo si sta verificando, l’argomento è il possibile collasso finanziario del Comune di Agrigento”. Inizia senza sconti la nota stampa a firma del Capogruppo della Lega in Consiglio Comunale di Agrigento Nuccia Palermo la quale, già in più episodi, aveva tacciato l’attuale Assessore al Bilancio, Nello Hamel, non solo di poca attitudine e preparazione politico-amministrativa relativamente ad una delega così importante e delicata ma soprattutto di un mutismo istituzionale pericoloso . A darle ragione è stata la convocazione urgente di una Conferenza Capigruppo prevista per il 30 Maggio prossimo con ordine del giorno la grave situazione palesata dall’ufficio finanziario .
“Questa mattina veniamo a conoscenza che l’ufficio finanziario del Comune di Agrigento ha alzato bandiera bianca e si è arreso. Scopriamo, dunque, che il Dirigente non riesce, a causa delle gravi criticità, a conseguire il pareggio finanziario nella predisposizione dello schema di  Bilancio Previsionale 2019-2020. Trovo avvilente il silenzio surreale di tutti gli altri attori istituzionali  scrive Palermo –  e trovo imbarazzante e gravissimo che un Dirigente del settore finanziario preghi, ancora una volta a distanza di 4 lunghi anni, il Sindaco Firetto, il Segretario Generale e l’Assessore al Bilancio Hamel di recuperare, tramite un’attività di riaccertamento dei residui, il pericoloso ritardo maturato dall’Ente nell’approvazione del rendiconto 2018.  Ed oggi è lo stesso ufficio, che parla di consistenti minori entrate o maggiori spese ad esprimere allarme sullo stato delle casse comunali toccando punti salienti dell’operato dell’amministrazione Firetto”.
“Tra questi  – continua il Capogruppo Palermo – l’Ufficio supplica l’intervento, in materia di gestione del servizio rifiuti, sulla necessità di verificare la congruità delle previsioni del piano finanziario, approvato dal Consiglio Comunale, in funzione alla ritardata sottoscrizione del contratto di servizio e della conseguente lievitazione dei costi. Insomma, altro che diminuzione delle bollette – tuona Nuccia Palermo – qui siamo dinnanzi ad una responsabilità che diventa per i cittadini un maggior costo. E su questo chiediamo la testa politica di Nello Hamel ed un’indagine sulle motivazione e sulle responsabilità della tardiva sottoscrizione del contratto sui rifiuti”.
“Ormai i nodi sono al pettine e l’Ufficio finanziario, nella persona del Dott. Mantione, ,messo alle strette dall’art. 153 del Testo Unico  che impone al servizio stesso di segnalare eventuali squilibri pena la responsabilità diretta, ha pubblicamente dato l’estrema unzione al Comune sotto la guida del Sindaco Firetto . Le strade rimaste sono due: o manovre correttive drastiche ( e nell’aria gira lo spettro di licenziamenti di massa, entro la scadenza di questa sindacatura ) o l’attuazione del Predissesto. Una giunta ed un Sindaco – conclude amareggiata il Capogruppo della Lega – che oggi sembrano lasciare solo macerie”.