Cultura e Spett. Eventi Favara Favara Primo piano

Favara. Centro studi Russello chiede incontro all’Ammistrazione

Oggi, il Centro Studi Antonio Russello, che è al suo decimo anno di vita, con sede a Favara e preseduto da Gaspare Agnello, invia una accalorata lettera al Sindaco Anna Alba e al suo Assessore alla Cultura, nonchè vice Sindaco, Rossella Carlino, per chiedere una sede dove potersi riunire.
Il Centro Studi Antonio Russello oramai ha al suo attivo molteplici attività, in particolare con tutte le scuole di ogni ordine e grado di Favara e le università siciliane e molto ha contribuito alla conoscenza di questo illustre scrittore favarese. Ricordiamo altresì che il Comune di Favara è socio, fin dalla nascita, del Centro Studi, difatti la sede ufficiale del Centro fino ad oggi è la biblioteca comunale, per cui la lettera si rivolge appunto al proprio socio.
Riporto integralmente:

ALLA SIGNORA SINDACA DEL COMUNE
ALLA ASSESSORA ALLA CULTURA
FAVARA
In riferimento alle precedenti conversazioni con le loro signorie faccio presente che il Centro Studi Antonio Russello è nella assoluta impossibilità di potere operare perché priva di una sede sociale dove depositare tutte le carte e i documenti e dove potere tenere le riunioni.
Abbiamo avuto tante promesse anche dalla precedente amministrazione ma purtroppo per varie ragioni non è stato possibile arrivare a una conclusione positiva della questione.
Ripropongo il problema nella certezza che l’Amministrazione attiva cercherà di fare quanto sarà nelle sue possibilità per dotare il Centro Studi di una sede dove potranno essere sistemate tutte le carte che la famiglia di Antonio Russello è disposta a donare al comune di Favara, ove questo si dotasse di una sede.
Faccio presente che la nostra attività è molto intensa e che ci stiamo collegando con molte Università italiane per fare conoscere questo scrittore di Favara.
Posso dire che una tesi di laurea su Russello è stata assegnata a Venezia, una a Pisa, una a Enna, tre a Palermo, una a Catania.
Questo denota che Russello esce dalla ristretta cerchia del suo paese per diventare oggetto di studio di tutti gli intellettuali italiani.
Quindi Favara si deve attrezzare per dare agli studiosi un luogo di riferimento.

Il presidente Gaspare Agnello