Favara Politica Primo piano

Favara: Mancata accensione dei riscaldamenti nelle scuole. Protestano genitori ed alunni

 

 

La delibera per lo stanziamento delle somme relative al riscaldamento nelle scuole di Favara, sotto competenza comunale, era stata firmata in data 18 dicembre 2018. Tuttavia, ad oggi, il rientro scolastico dopo la pausa natalizia  si è caratterizzato per il freddo dentro le aule. Già da ieri alcuni consiglieri comunali e politici in genere, si sono fatti portavoce delle proteste dei genitori i quali, ovviamente, vorrebbero l’aula riscaldate, visto che è luogo dove i figli trascorrono molte ore. Ma così non è stato. Il gasolio non è stato erogato perchè la cifra stanziata è stata veicolata verso altre spese. Dunque, i bambini stanno la freddo- ricordiamo che solo qualche giorno fa, Favara si è svegliata innevata e cioè con temperature gelide- mentre gli amministratori sembrano avere altre priorità. In molti stamattina hanno deciso di non portare i loro figli a scuola, mentre altri genitori hanno organizzato una forma di protesta portando coperte e plaid in aula. Tuttavia un altissimo tasso di assenteismo si è registrato questa mattina in alcune scuole, dove i giovani studenti hanno scelto di disertare l’entrata nelle aule gelide. E’ un problema gravissimo e diventa impellente priorità di questa amministrazione risolverlo attuando tutte le procedure necessarie- in tempi brevissimi- al fine di permette il sano svolgimento delle lezioni in aule riscaldate. Attendiamo notizie celeri dall’amministrazione comunale.

Aggiornamento della mattinata, dei genitori con i figli frequentanti la scuola “G. Guarino” di Via Basile, ci comunicano che questa mattina hanno acceso i termosifoni con il gasolio rimasto dell’anno precedente. Mentre invariata la situazione negli altri istituti scolastici.