CRONACA Primo piano Provincia Sicilia

Licata. Dalla Cina 2000 mascherine Kn95. Gli imprenditori Russo e Vitti: “Donate alla Croce Rossa di Agrigento e al 118 Sicilia per metterle a disposizione di chi ha bisogno”

 

 

 

Licata chiama la Cina, e la Cina risponde. Una splendida storia di solidarietà che viaggia su una consolidata amicizia. Gli imprenditori licatesi, dottore Salvatore Russo e Alessio Vitti, sono riusciti a far arrivare a Licata 2000 mascherine Kn95, potendo contare sul Presidente, Leo Weijun, dell’Associazione “La Nuova via della Seta”- Consiglio per la Cooperazione Economica e Culturale. Con caparbietà, Salvatore Russo impegnato da sempre in attività di volontariato cattolico, dopo aver chiesto, la collaborazione di enti e istituzioni che sono state sorde alla sua proposta, di far arrivare e distribuire le mascherine donate dalla Cina, ha trovato ampia disponibilità nei dirigenti Angelo Vita, Presidente della Croce Rossa di Agrigento, e Giuseppe Lombardi, responsabile del 118 della Sicilia, a cui sono state consegnate le mascherine che hanno fatto un lungo viaggio con un tragitto complesso Chek Lap Kok-Hong Kong-Dubai-Koeln-Stanford-Milano-Licata. Nelle ultime ore le mascherine sono state consegnate ai responsabili di Croce Rossa e 118 e messe a disposizione di chi ne ha bisogno. “Non è il tempo delle polemiche ma della solidarietà – ha dichiarato il dottor Salvatore Russo, che ha auspicato in futuro una proficua collaborazione con la Croce Rossa per ulteriori iniziative benefiche – e ringraziano, con Allessio Vitti, l’amico Leo Weijun che ha dimostrato a noi e alla nostra comunità che la solidarietà non ha colori e confini. Si tratta di un grande gesto che abbiamo tanto apprezzato. Siamo felici e soddisfatti che oggi un’ingente quantità di mascherine sia a nostra disposizione per prevenire il terribile virus Covid 19. Da siciliani e da persone che credono tantissimo nella solidarietà non possiamo che dirci contenti perché in questa emergenza abbiamo potuto riaffermare a noi stessi quanto sono importanti – ha concluso Russo- i valori dell’amicizia”.