Favara Politica Primo piano

Metano a Favara, arrivano i pareri favorevoli dei Vigili del Fuoco e di Girgenti Acque

Altro passo avanti per la metanizzazione della città. I Vigili del Fuoco e Girgenti Acque hanno, infatti, espresso parere favorevole sul progetto esecutivo presentato nel mese di dicembre scorso dalla società “Favaragas”. Adesso si attendono quelli dell’Asp, dell’Anas, del Comune di Agrigento e del Libero Consorzio. Quest’ultimo ente è interessato perché le tubature che collegheranno il punto di allaccio del gas in contrada San Benedetto al centro urbano (per un totale di 7 km) saranno interrate seguendo il percorso della S.P. n. 80, la Favara-Aragona. I pareri sono stati inviati al Comune di Favara e al Genio Civile a cui compete la relazione istruttoria. E proprio il nuovo capo del Genio Civile, l’architetto Rino La Mendola, nei mesi scorsi ha convocato più volte il sindaco e i tecnici del Comune per chiarire tutti gli aspetti di un progetto sicuramente complesso.

“Sono stati incontri molto proficui – dice il sindaco Anna Alba – avendo illustrato al nuovo capo del Genio Civile il progetto esecutivo predisposto dalla società “Favaragas”, del gruppo “Italgas”, che aveva rilevato il ramo aziendale della Cpl Concordia, originaria aggiudicataria dell’appalto con il sistema del project financing”

Di metano si parla da oltre 30 anni con tanti treni e finanziamenti persi. L’ultima opportunità, in ordine di tempo, è stata nel 2015 con l’amministrazione dell’epoca, guidata da Rosario Manganella, che ha partecipato a un bando del Ministero dell’Economia e Finanza, bando riservato ai comuni del Meridione d’Italia che non avevano beneficiato di contributi per la metanizzazione.
Il Comune di Favara ha ottenuto dal Mef un finanziamento in conto capitale di 6 milioni e 716 mila euro. Il resto della somma, che originariamente era a carico della Cpl Concorda, adesso graverà sulla società “Favaragas” i cui utili le deriveranno dalla gestione ventennale degli impianti. Nel totale il costo dovrebbe aggirarsi intorno ai 20 milioni di euro, iva compresa.