Politica Primo piano Provincia Sicilia

Politica. Nuccia Palermo (Lega): “Già incassati circa 183.500 euro di indennità ma da Daniela Catalano nessuna relazione trimestrale”

 

 

 

Interviene a gamba tesa il capogruppo della Lega in Consiglio comunale di Agrigento Nuccia Palermo, in merito alla volontà- da parte della sesta commissione- di cestinare l’articolo 30 che impone al Presidente del Consiglio di relazione trimestralmente sugli esiti delle interrogazioni scritte redatte dai consiglieri all’amministrazione. Di seguito la nota stampa di Nuccia Palermo, Capogruppo LEGA – Salvini Premier Comune Agrigento.

Pericolo per la trasparenza e per la democrazia. Agrigento in mano a rimasugli politici di estrazione alfaniana e al  PD, unico sostenitore del Sindaco Firetto, rischia di vedere leso il diritto alla trasparenza“.
Dure le parole del Capogruppo della LEGA al Comune di Agrigento, Nuccia Palermo, che attacca duramente l’azione della sesta commissione nel tentativo di cassare l’art. 30 del Regolamento Comunale che ad oggi impone al Presidente Daniela Catalano, cugina dell’ex ministro Angelino Alfano, di relazionare trimestralmente in consiglio sugli esiti delle interrogazioni scritte fatte dai consiglieri all’amministrazione.
Catalano ha incassato circa 184.000 euro in 4 anni da Presidente del Consiglio Comunale– commenta Nuccia Palermo – e l’articolo di questa mattina riportante il tentativo di divincolarsi dall’obbligo di mettere nero su bianco le responsabilità dell’amministrazione Firetto e nello specifico gli esiti degli atti ispettivi degli eletti, con il supporto di altri consiglieri comunali di maggioranza, è indecoroso e politicamente irrispettoso nei confronti dei cittadini. Cittadini, che pur pagando fior di quattrini tra tasse e imposte, vivono in una città sporca e poco servita. Sono SDEGNATA“.
“Chiedete scusa – conclude il Capogruppo della LEGA –  Chiedete scusa alla città di Agrigento, chiedete scusa a chi ha riposto la propria fiducia dando delega di rappresentanza ormai 4 anni fa e soprattutto chiedete scusa alla politica … quella con la p maiuscola perchè,  ad oggi,  avete dimostrato di non averne colto l’essenza e il valore”.