Politica Porto Empedocle Primo piano

Porto Empedocle, Michelangelo Bruno Gallo (FdI): La misura è colma, la città è alla deriva

Mancano meno di nove mesi al ritorno alle urne a Porto Empedocle e mentre i cittadini contano ogni singolo giorno che li separa dal liberarsi definitivamente da questa amministrazione, quest’ultima continua imperterrita a fare quello che sa fare meglio, cioè nulla“!. lo dice il consigliere comunale di Porto Empedocle Michelangelo Bruno Gallo. 

”Al dì là di annunci e proclami propagandistici -continua il consigliere– la realtà vede una città ormai rassegnata all’inesorabile declino con cui convive ormai da quattro anni. Diverse sono le lamentele e le richieste inascoltate da parte dei cittadini, ormai rassegnati a vivere in mezzo al degrado che regna in città. Cumuli di rifiuti sparsi qua e là, tombini e strade dissestate che costituiscono un pericolo per l’incolumità pubblica, erbacce che dominano sui marciapiedi. Senza dimenticare l’ormai cronica assenza di illuminazione notturna in intere aree della città e la situazione del quartiere Ciuccafa abbandonato a se stesso. Un incuria verso la città che è visibile nell’assoluto disinteresse verso il nostro centro storico e verso il verde pubblico con parchi e villette che vedono anche i nostri bimbi privati costretti all’utilizzo di giochi fatiscenti. Disinteresse  e dimenticanza che ha colpito anche i nostri caduti in cui i nomi sono ormai scomparsi dalla lapide commemorativa senza che si sia proceduto ad un semplice  e rapido restauro. Una città, dunque, abbandonata a se stessa con un’amministrazione sorda e disinteressata a cui consiglieri, meno festeggiamenti, lasciando perdere i toni propagandistici e le campagne elettorali per iniziare a restituire ai cittadini e alla città, prima di consegnarne definitivamente le chiavi e farsi definitivamente da parte, la dignità e il decoro che merita.

“Infine –conclude il consigliere Michelangelo Bruno Gallo- invito a pochi giorni dall’inizio dell’anno scolastico, l’amministrazione a collaborare e dare sostegno ai vari istituti per assicurare in piena sicurezza il rientro dei nostri figli”.