Calcio Primo piano Sport

Pro Favara. Si prepara la gara di ritorno di Coppa con l’Akragas. Previsto il debutto dell’ultimo arrivato, Mariano Cordaro

È ritornato all’ovile il funambolico attaccante Mariano Cordaro dopo aver trascorso gli ultimi due anni a Canicattì e a Paternò. Va a rafforzare il Pro Favara, la squadra da dove è partita la sua avventura calcistica facendolo approdare anche nell’Ascoli. E’ fisicamente integro, nonostante i 37 anni compiuti a maggio, e in grado di scendere subito in campo. Domani, contro l’Akragas, nella gara di ritorno del primo turno di Coppa Italia, l’allenatore Giovanni Falsone lo schiererà tra i titolari dal primo minuto con l’obiettivo di dare qualche filo da torcere in più alla formazione del capoluogo che all’andata si è imposta per 3 a 0 non senza qualche strascico polemico essendo stato molto contestato il terzo gol. Cordaro, che ha messo famiglia a Favara, ammette che il girone “A” del campionato di Eccellenza di quest’anno è uno dei più impegnativi dell’ultimo decennio. “Sarà un piacere – dice – lottare e confrontarsi contro le grandi corazzate del girone. Sono certo che con un po’ di fortuna e un intelligente dosaggio delle forze riuscirò anche questa volta a dare il mio contributo che, spero, possa essere utile alla causa del Pro Favara”.
Se Cordaro va ad irrobustire il settore avanzato della squadra, novità si registrano in seno alla dirigenza che si è arricchita di un novo socio, Carmelo Scutellà, giovane ma già affermato consulente finanziario che, identificandosi negli obiettivi, nel modo di lavorare e nelle idee della società, ha sposato il progetto di rilancio del club gialloblu’. “L’ingresso di Scutellà – sottolinea il presidente Rino Castronovo – è la testimonianza dell’entusiasmo che si è generato attorno alla squadra, un entusiasmo che si è potuto cogliere domenica scorsa nel derby con l’Akragas”.
Sul fronte prettamente tecnico, per questa mattina è prevista una seduta di rifinitura allo stadio “Bruccoleri”. Il tecnico Giovanni Falsone non vuole lasciare nulla di intentato. “Ribaltare il 3 a 0 dell’andata è impresa difficile – commenta – ma non impossibile. Ci proveremo”. Mancherà l’esterno alto Gabriel Spina infortunatosi sette giorni fa all’“Esseneto” tanto da dover ricorrere alle cure ospedaliere, ma ci sarà il recupero del capitano Giuseppe Fallea che ad Agrigento è andato in tribuna a causa di una squalifica rimediata nella stagione trascorsa.