Politica Primo piano Sicilia

Pullara sulla differenziata: “gli emendamenti proposti ed approvati in finanziaria premiano 8 Comuni dell’agrigentino – siamo solo all’inizio di un percorso”.

La provincia di Agrigento, grazie agli emendamenti ai quali anche l’On. Pullara ha lavorato in finanziaria, riceverà finanziamenti in base alla percentuale di differenziata prodotta su densità di abitanti.

Di seguito elenco i Comuni dell’agrigentino (con relativa percentuale di differenziata prodotta) che proprio per virtuosità riceveranno i contributi dalla Regione:

Raffadali 68,18

Ribera 74,89

Santa Margherita Belice 68,38

Montevago 65,31

Joppolo jancaxio 73,90

Sambuca di Sicilia 74,82

Calamonaci 66,99

Sant’Angelo Muxaro 75,55.

“La raccolta differenziata è uno degli strumenti di crescita del nostro sistema rifiuti in Sicilia, siamo l’ultima Regione in Italia e abbiamo il dovere di recuperare il tempo perduto” – ha dichiarato Musumeci.
Consequenziale dunque la scelta di premiare i Comuni siciliani che rappresentano un modello di riferimento per la raccolta differenziata, anche nella speranza che possa essere da stimolo per tutte le altre amministrazioni che fanno precipitare l’Isola all’ultimo posto in Italia.

“Il compito degli amministratori locali  – scrive l’On. Pullara – deve dunque essere quello di far decollare questo sistema di raccolta, inculcando consapevolezza nella gente che fare la differenziata significa non solo compiere un atto di civiltà, ma anche puntare al risparmio.

Non possiamo permettere che grandi città come Licata, ad esempio, vivano momenti di crisi igienico/sanitaria ed ambientale come quella di questi mesi. La causa? La mancata lungimiranza amministrativa che ha condotto a questo baratro. Dobbiamo garantire una svolta anche economica al nostro territorio: avrei voluto che tutti i Comuni avessero le sovvenzioni come accaduto a quelli sopracitati (dai 60.000 ai 140.000 €) e mi fa rabbia aver perso questo ennesimo treno. Ma ci rifaremo anche con gli altri Comuni, questo è solo l’inizio di un cammino che premia la corretta gestione di servizi essenziali per le comunità come la gestione dei rifiuti solidi urbani. È pertanto ormai essenziale che le amministrazioni comunali in carica e le prossime elette a giugno, lavorino e investano in questa direzione”.