Favara Politica Primo piano

Favara. I consiglieri Castronovo e Mossuto sull’isola ecologica: “Stimolare il conferimento alzando il rimborso sulle bolletta”

Giunta in redazione una nota scritta dai consiglieri Calogero Castronovo e Laura Mossuto in cui chiedono al sindaco Anna Alba e al neo assessore Giuseppe Bennica uno sconto maggiore sulla bollette Tari in merito alla distanza dell’ecopunto.

Da alcuni anni, prima nello spiazzo antistante lo stadio Comunale poi in via Maranello, è in funzione a Favara la cosiddetta “isola ecologica” dove si possono conferire materiali differenziati: plastica, vetro, carta, cartoni, lattine. Un servizio utile e ben accolto da quella parte della cittadinanza che capisce quali danni provocano i rifiuti che stanno soffocando mari e fumi e inquinando il mondo. Per il conferimento di tali materiali ci sono dei benefici in bolletta che sono, però, molto irrisori e che non stimolano i più riluttanti a raggiungere l’ecopunto anche perché a volte è a loro disfavore il rapporto tra costo della benzina per raggiungere il sito, che si trova alle spalle del cimitero di Piana Traversa, e lo sconto nella bolletta Tari che trovano a fine anno. Sarebbe il caso, allora, in virtù anche della presenza del neo assessore Giuseppe Bennica, di elaborare un regolamento che possa dare nuovi e maggiori stimoli al conferimento dei materiali differenziati alzando l’asticella dei rimborsi. Converrebbe al cittadino ma anche all’amministrazione comunale

Una seconda considerazione riguarda le bollette non pagate della tarsu degli anni 2012, 2013 e 2014 per cui il Comune ha emesso gli avvisi di accertamento. Molti cittadini chiedono di poterle rateizzare e che al contempo siano condonati gli interessi di mora. In quest’ultimo caso se pagate in un’unica soluzione. Il Comune farebbe cassa subito evitando eventuali contenziosi che lasciano il tempo che trovano.