Salute

Tumore della mammella. Ma perché in Sicilia si muore di più?

Il tumore della mammella in Sicilia é aumentato del 40% negli ultimi 10 anni. E rischia di aumentare ancora in futuro! Con un andamento simile, infatti, nei prossimi 10 anni si avranno 40.000 nuovi casi.

Attualmente sono 28.000 le Donne Siciliane colpite dal Tumore della mammella. Ed ogni anno vengono diagnosticati 3000 nuovi casi.

Eppure l’incidenza del cancro al seno in Sicilia é inferiore rispetto al Centro ed al Nord dell’Italia: il problema é la mortalità! Nonostante sia calata rispetto a qualche anno fa, si mantiene ancora superiore al resto d’Italia ma anche del Meridione. Questi dati sulla mortalità più alta rispetto al resto d’Italia prospettano dati preoccupanti che sottendono una situazione grave che non può e non deve essere sottovalutata né sottaciuta.

Ma perché in Sicilia si muore di più?

Perché spesso si arriva tardi alla diagnosi, quando ormai il tumore é difficile da trattare. Ciò perché in Sicilia si fa meno Diagnosi precoce rispetto al resto d’Italia, un fatto che fa arrivare tardi alla scoperta del tumore e si pensa che sia dovuto alle condizioni socio-economiche.

Questo cosa significa?

Significa che in Sicilia, dove c’é il reddito pro-capite é fra i più bassi d’Italia ed il livello d’istruzione é più basso rispetto alla media nazionale, la mortalità per cancro della mammella é la più alta fra le cause di morte prematura delle Donne. 

La Regione Sicilia é impegnata a garantire lo Screening del Tumore della mammella su tutto il territorio della Regione.

Quali risultati si sono ottenuti col recente Screening mammografico effettuato a Favara?

Qualche risultato in effetti lo abbiamo ottenuto, perché siamo passati dal 17% del 2014 al 26% del 2016. Tuttavia ricordo che nel resto della Sicilia siamo a percentuali più alte, del 46% e nel resto d’Italia addirittura quasi al 90%.

Sono state salvate molte Donne con l’ultimo Screening Mammografico?

Si, ben 71 Donne sono state salvate. Ripeto: salvate! Perché con la Diagnosi precoce ci si salvano Vite umane.

Tuttavia é necessario dire che potevano essere molto di più!

Si, se consideriamo infatti la percentuale di Donne salvate su quelle screenate, e cioé il 5,8%, e la applichiamo al numero totale delle Donne che avrebbero dovuto e non hanno voluto fare la Mammografia, allora le Donne individuate e salvate avrebbero dovuto essere ben 257!

Cioé il 5,8% delle 4500 Donne aventi diritto.

71 Donne salvate é ancora un numero troppo basso, al di sotto di quello atteso: molte Donne si ostinano a non rispondere all’invito della propria ASP.

Un invito che potrebbe salvarle la Vita!

In conclusione?

Il Consultorio Familiare ha rilanciato in questi giorni lo Screening mammografico e prego tutte le Donne che riceveranno la lettera d’invito nei prossimi giorni ad aderire ed effettuare la Mammografia. Ci sono almeno 190 Donne ancora da salvare dal cancro: fate la mammografia!

Grazie.

Dr. Rino Ciancimino