Cultura e Spett. Eventi Internet Primo piano Provincia Provincia

Bella Ciao nell’anno della guerra. La rivisitazione di Armando Cacciato torna d’attualità.

pegasopegasopizzeria reginald

Non sarà un 25 Aprile come gli altri, questo. Nell’anno in cui la guerra è ritornata prepotentemente in Europa, l’inno di resistenza e di libertà urla più forte. Una versione struggente, quella del cantautore Armando Cacciato, intrisa di soul e di pathos, che nella rivisitazione odierna viene arricchita dalle tastiere di Pierangelo Carvello ed accompagnata da un videoclip, realizzato da Luca Cimino, dove il cantautore si trova in una dimensione spazio-temporale a cavallo tra il dopoguerra e i giorni d’oggi. Come se il tempo si fosse fermato… oppure, ancora peggio, sia rimasto lì. Per questo “il fiore del partigiano” deve essere ripiantato. La libertà non deve morire. A prescindere dalle ideologie, a prescindere dai contesti storici, a prescindere dalla geografia. “Resistere alla guerra, oggi e sempre”. Il link del videoclip: https://youtu.be/OfdKc7RxwRA

COOPERATIVA SANTANNA