CRONACA Favara Primo piano

COVID-19. FAVARA ZONA ROSSA. COSA SI PUO’ FARE E COSA NO

centineopegaso

In aggiunta alle vigenti misure contenitive del contagio, nei territori comunali di Favara, dal 15 aprile 2021 fino al 28 aprile 2021 compreso, si applicano le disposizioni di cui al decreto legge 1 aprile 2021, n. 44, nonché al decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 2 marzo 2021 come zona rossa.

Cosa si può fare e cosa no dal 15 aprile:

Il Coprifuoco resta tra le 22 e le 5, su tutto il territorio comunale sia nei giorni feriali che festivi. Gli spostamenti in questi orari restano esclusivamente quelli di lavoro, necessità o salute

L’Autocertificazione bisogna compilarla e portarla con sé in qualsiasi spostamento e a qualsiasi ora, in zona rossa. Se si esce dai confini comunali o si circola nel Comune durante il coprifuoco, occorre giustificare lo spostamento.

Palladium

E’ vietato spostarsi all’interno dello stesso comune, tranne che per comprovate esigenze lavorative, per necessità o motivi di salute. Il decreto precisa che è comunque consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione.

Visite a parenti e amici non sono consentite. Dal 15 aprile al 28 aprile 2021 sarà permesso dalle 5 del mattino alle 22  raggiungere nell’ambito del proprio comune, una sola abitazione di parenti o amici, una sola volta al giorno, massimo in due e accompagnati dai minori di 14 anni. E’ possibile sempre però raggiungere, da soli, persone sole o non autosufficienti che hanno bisogno di assistenza.

L’Attività fisica è consentita individualmente all’aperto nei pressi della propria abitazione con distanziamento di un metro e indossando la mascherina.

Chiudono i negozi ritenuti non essenziali. Aperti gli alimentari e negozi che vendono cose di prima necessità come farmacie, parafarmacie, edicole e tabaccai, negozi di elettronica, ferramenta e negozi per bambini.

Chiudono Parrucchieri e centri estetici.

I bar e ristoranti chiusi. É permessa la ristorazione con consegna a domicilio. Fino alle 22 è possibile l’asporto, ma non è consentito consumare cibi sul posto o nei pressi di ristoranti e bar. L’asporto dai bar è invece permesso solo fino alle 18.