Favara Politica Primo piano

Da oggi presa in carico dal Comune di Favara la raccolta dei rifiuti nel cosiddetto quartiere di “Favara Ovest”. Non tutto è filato liscio

Da oggi è passata sotto la gestione del Comune la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti nel quartiere di “Favara Ovest”, raccolta rimasta in capo al Comune di Agrigento fino allo scorso 31 dicembre nonostante da oltre un anno, con la legge n. 23 del dicembre 2019, l’assemblea regionale siciliana abbia approvato la variazione territoriale dei confini tra i due comuni contermini non prima, comunque, dell’esito di un referendum in cui sono prevalsi i “sì” alla rettifica dei confini. Ma non tutto è andato secondo le previsioni non essendo stata avviata la raccolta porta a porta per come assicurato dal vice sindaco Giuseppe Bennica e annunciato attraverso il sito web del Comune con l’invito che venisse osservato il calendario in vigore nel Comune di Favara. L’intoppo sarebbe dovuto a un difetto di comunicazione tra il raggruppamento temporaneo di imprese che si è aggiudicato l’appalto della raccolta dei rifiuti (composto dalle società Iseda, Icos, Ecoin e Seap) e i responsabili di zona che operano sul territorio. Questa mattina la raccolta è avvenuta ma con il metodo adottato dal Comune di Agrigento nel senso che è stato posizionato un autocompattatore in prossimità di viale Progresso dove gli utenti hanno potuto depositare la loro spazzatura. Un servizio non ottimale per due ordini di motivi. In primo luogo perché, visto lo sviluppo dell’area in cui insiste “Favara Ovest”, molti hanno dovuto raggiungere il mezzo sobbarcandosi diversi chilometri in auto. In secondo luogo perché, mancando il porta a porta, non si è potuta effettuare la raccolta differenziata.

Palladium

“Già nello scorso novembre – puntualizza l’assessore Bennica – avevamo comunicato alle ditte aggiudicatarie dell’appalto il passaggio di competenze dall’amministrazione comunale di Agrigento a quella di Favara a far data dal primo gennaio. Ovviamente qualcosa non ha funzionato. Mi auguro che da lunedì si ponga rimedio a questo disguido perché già oggi tanti cittadini di Favara Ovest mi hanno chiamato per conoscere i motivi per cui il nuovo servizio, tanto atteso, non sia partito. Gli stessi erano stati avvisati, in attesa di ricevere istruzioni in merito al ritiro dei nuovi mastelli, di continuare ad utilizzate quelli che avevano in dotazione”.

Intanto, dalla prossima settimana si preannunciano difficoltà per quanto riguarda il conferimento in discarica dell’umido. La discarica di Lentini sarebbe al limite della sua capienza.