CRONACA Favara Primo piano

Favara. Da lunedì si rialzerà le saracinesche di negozi, ristoranti, bar e parrucchieri

Da lunedì 18 maggio niente più autocertificazione scritta, vera o inventata per giustificare le uscite di casa. L’ultimo Dpcm annunciato dal presidente del consiglio Conte il 18 maggio, ha deciso che si rialzerà le saracinesche di negozi, ristoranti, bar e parrucchieri e manderà in pensione l’autocertificazione, che resterà nella memoria degli italiani come uno ricordo della pandemia Covid-19. Per quanto riguarda bar e ristorante, sia per la colazione, la cena, il pranzo o l’aperitivo, vale la legge dei 2 metri, che è la distanza che deve intercorrere tra le sedie di chi non vive sotto lo stesso tetto. Sono vietati i buffet e se possibile anche il pagamento in contanti, mentre il menù lo si dovrà consultare da una app, dove possibile o da una lavagna al muro. Infine al ristorante si va prenotando e rispettando i turni.
La regola dei 2 metri vale anche dal parrucchiere, dove non basterà prenotare, ma sarà necessario anche specificare il trattamento in modo da consentire la programmazione degli appuntamenti, inoltre mascherina obbligatoria per tutti e in più guanti per chi taglia.
Intanto, da lunedì si potrà tornare a trovare gli amici a casa, magari per un pasto serale, senza dover cercare qualche scuse. Probabile anche il via libera ai soggiorni nelle seconde case a mare o in campagna, se si trovano nella propria regione. Di mobilità fuori regione si riparlerà forse solo il 1 giugno. 

La Fase 3 sta per iniziare, tutti ne siamo contenti, ma oggi più che mai occorre prudenza e buonsenso. È normale che abbiamo tutti voglia di normalità, quindi manteniamo il distanziamento sociale e evitiamo assembramenti se vogliamo tornare alle consuete abitudine.