Favara Politica Primo piano Provincia

Favara. I Consiglieri comunali dissidenti del M5S: “Con l’inizio del 2020 i problemi piuttosto che essere risolti aumentano”

 

 

Intervengono con una nota stampa i consiglieri comunali Sanfratello Carmelo, Costa Carmelo, Liotta Massimo, Baio Danila, Pirrera Calogero, Sorce Giuseppe e Sciara Giusy per evidenziare i numerosi problemi che, questa amministrazione, invece di risolvere li aggrava. Dalla mancata accensione dei riscaldamenti nelle scuole, con relativa protesta da parte degli alunni e dei genitori, alla refezione scolastica ferma- come scrivono i 7 consiglieri comunali- dal 7 novembre 2019. Insomma, dopo la rimodulazione della giunta comunale, con l’inserimento di assessori che fanno capo ai consiglieri comunali che -tra astenuti ed assenti non hanno votato la sfiducia alla sindaca Alba- la situazione sembra non essere cambiata. “Anno nuovo, problemi vecchi”, riprendendo l’incipit de comunicato stampa inviato dai 7 consiglieri del M5S che sono passati all’opposizione.

Di seguito, come sempre, pubblichiamo integralmente la nota stampa.

“L’inizio del 2020 non lascia presagire nulla di buono per la nostra comunità, infatti dal rientro delle vacanze gli studenti della Scuole locali hanno trovato un bel pupazzo di neve nelle loro classi. Eh si, l’amministrazione non ha previsto nessuna somma da assegnare alle scuole per la fornitura del gasolio, pertanto i bambini sono costretti a frequentare le lezioni con giubbotti e sciarpe. Una situazione vergognosa ed intollerabile, bastava un minimo di programmazione per evitare il problema, ma la programmazione per questa amministrazione come si sa rimane un miraggio.
Oltre alla mancata accensione dei riscaldamenti, è fermo dal 7 Novembre il servizio di refezione scolastica e dopo il pastrocchio di un primo bando di gara pubblicato con numerosi errori sostanziali, si è proceduto alla rettifica nello stesso con data ultima di presentazione delle offerta il 15 Gennaio 2020. Purtroppo non sarà possibile usufruire del servizio di refezione prima della fine del mese. In pratica per quasi metà anno scolastico il servizio di mensa non viene erogato e i genitori lavoratori che si affidano al tempo prolungato delle scuole della prima infanzia si ritrovano in difficoltà! Infine, numerose sono le segnalazioni che arrivano per i disservizi all’ufficio del catasto. Il comune non ha provveduto a rinnovare l’abbonamento presso l’Agenzia delle Entrate sezione territorio del sistema Sister, pertanto i cittadini che si recavano all’ufficio per il rilascio delle visure catastali gratuitamente da parte del Comune, si vedranno costretti a recarsi ad Agrigento per il rilascio gratuito o a pagare il servizio presso i professionisti. Insomma nulla di nuovo sotto il sole, anzi i problemi piuttosto che essere risolti aumentano. Siamo sicuri che la nuova giunta sia stata nominata per l’interesse esclusivo del paese e non per accontentare qualche consigliere comunale? Intanto, alcuni consiglieri comunali di finta opposizione che con cadenza settimanale pubblicavano articoli di critica alla sindaca, subito dopo aver ricevuto qualche incarico e dopo la nomina della nuova giunta hanno finito di scrivere e si sono riversati in un silenzio tombale, come se tutto andasse bene. Per fortuna manca poco più di anno alla fine di questo mandato elettorale e i cittadini favaresi saranno nuovamente chiamati a scegliere chi meglio li rappresenta”.