Favara Politica Primo piano

Favara. Nuovo sistema di raccolta differenziata: Montalbano- Lentini: “Assessore Bennica assolutamente non ci siamo”

 

Assolutamente non ci siamo! Da lunedì 29 ottobre è partita la nuova calendarizzazione della raccolta differenziata, con grossolane anomalie in fase organizzativa, che hanno creato e creano momenti non indifferenti di cronica confusione tra la gente”.

Inizia così la nota stampa diramata da Michele Montalbano e Giuseppe Lentini, a firma congiunta, i quali intervengono sul nuovo sistema di raccolta differenziata iniziata lunedì 29 ottobre, adottata dallìassessore Giuseppe Bennica. “Il sistema di raccolta e smaltimento dei rifiuti indifferenziati è sicuramente una scelta moderna che va assolutamente alimentata e sostenuta, ma affinchè possa avvenire bisogna che ci sia pragmatismo ed essenzialità. Anche questa nuova fase, purtroppo, è partita con il piede sbagliato. Ad esempio, sono stati messi in giro contemporaneamente due brochure identici nella grafica ma diversi nel contenuto, nella parte che interessa il rifiuto organico o umido. Grande peccato di comunicazione dell’assessore Bennica. Non è la sola! Esiste poi il problema dei sacchetti biodegradabili a spese dei cittadini, i quali sono già tartassati da una TARI sicuramente esosa e fuori portata, rispetto ad un servizio pessimo, dovranno addizionare un’ulteriore spesa che può oscillare dai 75 ai 100 euro in più ogni anno. Viene da chiedersi allora: come mai non sono stati previsti ad inclusione nel capitolato di appalto che nell’aprile del 2017 la giunta Alba ha determinato? Bennica- continuano Montalbano e Lentini- ha recentemente parlato di un risparmio sulla raccolta, bene allora compri i sacchetti e fornisca i mastelli. Se ha realmente risparmiato delle somme di cui ancora non conosciamo l’entità), i soldi ci saranno, a meno che non si tratti della solita frottola a cui ci hanno abituati in questi anni i grillini. Ricordiamo al sig. Bennica, neofita della politica che questo capitolato è il suo e dei suoi amici che governano la città, e che le esigenze della popolazione vanno in tutt’altra direzione. Cosa dire poi, visto che spesso lo stesso assessore lo cita nelle sue interviste, del centro di raccolta denominata “isola ecologica” spesso risulta essere inaccessibile, infatti, lunedì irraggiungibile a causa della fiera, mercoledì 31 ottobre di mattina addirittura chiusa…prosit. Allora, pannolini e pannoloni caro assessore dove li conferiamo? Li riportiamo a casa, visto che il calendario prevede un solo giorno di raccolta? Tutto questo è frutto di supponenza, di incapacità nel recepire i messaggi di miglioramento, di arroganza nel non volere ascoltare il territorio. Non è così che si amministra caro Bennica. Nell’era della comunicazione è inconcepibile sentire lo stesso soggetto che smentisce se stesso in ogni intervista. Ci si ricordi che la tassa della TARI, volendo essere scherzosi, è così cara che il servizio dovrebbe prevedere anche di sparecchiare la tavola in cui si mangia. Alla gente non interessa a che ora ci si alza la mattina- concludono i due politici di Favara- ma quello che si costruisce in tutta la giornata. Finiscila di babbiari…”.

 

pini