CRONACA Favara Non solo Notizie Primo piano

Partito da Favara l’autobus della speranza: Porta aiuti per l’Ucraina, tornerà con donne e bambini da accogliere

pegasopegasopizzeria reginald

Con lo scoppio della guerra in Ucraina, la macchina della solidarietà si è messa in moto anche a Favara, grazie a Carla Bartoli appena sedicenni che ha lanciato l’iniziativa “Un autobus per l’Ukraina” per portare beni di prima necessità al confine della Polonia.

COOPERATIVA SANTANNA

Dopo la raccolta dei beni di prima necessità, questa mattina è partito l’autobus con destinazione Lublino, in Polonia, al confine con l’Ucraina, carico di aiuti, latte, biscotti, pannolini e tanti altri prodotti per l’infanzia. Oltre 6mila chilometri per 60 ore di viaggio piene di speranza per un futuro migliore e in pace. Ma non è finita qui. Perché una volta consegnati i beni di prima necessità, il bus sarà utilizzato per portare in Italia donne e bambini bisognosi di aiuto, per dare loro una nuova vita, purtroppo lontano dalla loro casa, ma – si spera – con maggiore serenità.

“Sono stati giorni di grande partecipazione e solidarietà – scrive Florinda Saieva sul pullman in partenza per l’Ucraina  –, nonostante le mille cose da fare e burocrazie varie, non ci siamo mai sentiti soli; molti mi hanno fatto i complimenti, ma i veri complimenti vanno ad ognuno di voi, senza ogni singolo gesto, una piccola donazione, un sorriso… tutto ciò non sarebbe stato possibile. Sarà un viaggio indimenticabile e la gioia di poter portare in salvo donne e bambini ci ripagherà di ogni fatica fisica”.

“Difficile nascondervi la commozione e anche la preoccupazione – scrive Andrea Bartoli in un post Facebook –  Sono trascorsi 10 giorni fa, da quando Carla ha deciso di raccogliere dei fondi per sostenere le spese di trasporto per un autobus per la Polonia ed eccoci qua con Florinda capo missione del progetto più importante della nostra vita. Niente mostre e niente artisti ma Donne e Bambini da mettere in salvo e accogliere in Sicilia nel migliore dei modi.
Super Flo sono l’uomo più fortunato del mondo, non solo per Carla e Viola ma anche per avere sposato la donna più bella, forte e coraggiosa che potessi mai meritare.
A te, Tommy e Salvotore, gli amici della stampa e gli eroici 3 autisti che dovranno guidare per una settimana, buon vento, che il Signore vi protegga e vi faccia ritornare presto a casa con i nuovi amici Ucraini sani e salvi.
A tutta la Comunità di Farm, a tutti gli amici Favaresi, di Bivona e dei paesi limitrofi, tenetevi pronti per la più bella festa di accoglienza della vostra vita. Facciamo scoprire agli amici Ucraini tutto il senso di ospitalità e fraternità che il popolo Siciliano e in grado di esprimere”.