Non solo Notizie Primo piano Sicilia

Pensioni aprile 2022: data del pagamento e aumenti

pegasopegasopizzeria reginald

Con la fine dello stato d’emergenza covid – fissato al 31 marzo 2022 – anche le pensioni Inps tornano al loro normale ciclo di pagamenti, e dunque verranno erogate dal 1 aprile 2022. Poste Italiane ha fatto infatti sapere che non ci sarà più il pagamento anticipato, con i pensionati che ormai aveva preso l’abitudine a ricevere le somme a partire dal 25 o 27 del mese.

COOPERATIVA SANTANNA

Pensioni di aprile: la data del pagamento e gli aumenti

Le pensioni ad aprile torneranno dunque ad essere erogate dal 1° aprile, ponendo fine ad una pratica emergenziale che aveva un costo importante per Poste Italiane. L’erogazione anticipata, infatti, comportava per l’azienda uno sforzo organizzativo ed economico in quanto l’Inps erogava comunque le cifre nei primi giorni del nuovo mese. Si trattava quindi di un anticipo da parte delle Poste, scelta questa non condivisa da tutti, specie dalle banche che infatti non avevano aderito all’iniziativa decidendo così di sobbarcarsi tale onere.

I pagamenti effettuati da Poste Italiane dovrebbero quindi seguire un nuovo, ma in realtà vecchio, calendario che rispetta un ordine alfabetico. Ecco dunque che i cittadini con cognome dalla A all B otterranno l’accredito della pensione il 1° aprile 2022, dalla C all D dal 2 aprile, dalla E alla K dal 4 aprile, dalla L alla O dal 5 aprile, dalla P alla R dal 6 aprile e, infine, dalla S alla Z dal 7 aprile.

A questa notizia negativa relativa ad un pagamento che sarà posticipato in sostanza di qualche giorno, si contrappone l’aumento degli assegni pensionistici dovuto alla nuova riforma fiscale. A variare sono, nello specifico, gli scaglioni di reddito e le aliquote Irpef, che da cinque diventano quattro. Questa è fissata al 23% per redditi fino a 15mila euro, al 25% per redditi compresi tra 15mila e 28mila euro, 35% per redditi tra 28mila e 50mila euro e al 43% per chi supera la cifra dei 50mila euro. Con le modifiche effettuate si stima che nelle tasche dei pensionati italiani ci sarà un aumento pari all’1,7% rispetto al recente passato.