Favara Politica Primo piano

Politica. Il Circolo Lega di Favara: “Impacciato il comunicato di ieri della sindaca Anna Alba! Dimettetevi!”

 

A distanza di 24 ore dal terribile temporale che, in meno di un’ora, ha messo in ginocchio la città di Favara, e dopo i vari articoli pubblicati sulla situazione di emergenza venutasi a creare ieri, il Circolo Lega di Favara interviene con una nota stampa su quanto accaduto. In particolar modo, i leghisti di Favara puntano l’attenzione sul comunicato video della sindaca Anna Alba “registrato in maniera poco istituzionale ed in modalità impacciata dalla stessa”. Gli stessi, infine, chiedono all’amministrazione di dimettersi. Di seguito l’intervento integrale.

“Il Circolo Lega Favara si stupisce del comunicato divulgato dal Sindaco della Città Anna Alba, ieri 22 ottobre, dopo gli ingenti danni subiti dalla Città di Favara, dovuti alla forte pioggia caduta la notte precedente, registrato in maniera poco istituzionale ed in modalità impacciata dalla stessa per strada, in cui si evincono frasi di allarme quasi comiche e la richiesta di calamità per un acquazzone. Non stiamo negando l’evidenza, ovvero che vi siano stati dei danni alle strade ed alla cosa pubblica, e che vi sia stato e c’è fino a stamattina, un grande disagio collettivo sia morale che materiale dovuto alle strade sporche di detriti, alla oramai famosa Via Che Guevara, importante arteria cittadina di collegamento chiusa completamente creando non pochi inconvenienti ad Insegnanti e Studenti e chi deve recarsi a Favara. Il vero problema è che tutto ciò poteva esser tamponato, non diciamo evitato perchè quando la natura si scatena è difficile, ma se fosse stata effettuata la normale pulizia e manutenzione delle caditoie e delle strade, soprattutto riparando la annosa questione della via Che Guevara, quasi sicuramente oggi non saremmo qui a scrivere e criticare e a non dover contare i danni e chiedere soldi al Governo Nazionale e Regionale per poi non spenderli comunque, come finora non si è speso un centesimo dei fondi ANAS. Dimettetevi!”