Cultura e Spett. Eventi Favara Favara Primo piano

RASSEGNAti – La Compagnia catanese “Colatalavica” in scena con la commedia di Antonio Zappalà “L’altra parte di me”.

Cambio forzato di programma nel cartellone di “RASSEGNAti” in programma al Teatro San Francesco di Favara. Sabato 25 gennaio sarà di scena la Compagnia catanese “Colatalavica” con la commedia in due atti di Antonio Zappalà “L’altra parte di me” per la regia di Lilia Romeo e Michele Anello. E’ stato infatti rinviato a data da destinarsi lo spettacolo “L’avaro” con Pippo Pattavina programma in cartellone. Per motivi di salute del protagonista, infatti, la produzione ha annullato temporaneamente tutte le date in programma. La Cioppy Group Events, ha provveduto subito al cambio di programma, “Ci impegniamo – comunica il direttore Giuseppe “Cioppino” Crapanzano – di riproporre la commedia “L’Avaro” non appena il grande Pippo Pattavina ritornerà operativo”.

Sabato 25 gennaio al teatro San Francesco ritorna, quindi, l’Associazione “Colatalavica”, applauditissima la scorsa stagione quando per “RASSEGNAti” ha portato in scena la commedia “A.A.A. Badante Cercasi” di Lilia Romeo con protagonista Pippo Franco. Quest’anno sarà presente con “L’altra parte di me” due atti di Antonio Zappalà, con la regia di Lilia Romeo e Michele Anello, una commedia inedita, brillante e molto divertente, messa in scena da un cast di attori camaleontici che manterrà alle stelle l’adrenalina dello spettatore, sin dalla prima scena.

“Sullo sfondo il mondo frenetico di oggi , due classi sociali completamente opposte. Quella altolocata, sfarzosa e spesso anche preda del vizio e della trasgressione, rappresentata dall’ingegnere Vito Virzì, ricco imprenditore e proprietario di diverse aziende. Quella del ceto sociale più basso, povero, posto ai margini della strada, sfrontato, ma nel contempo più temerario e spesso più capace nell’affrontare e risolvere le situazioni più disparate dell’esistenza, rappresentato da un furbo giocatore d’azzardo Stefano Ticchirinicchi. La sorte vuole che i due siano identici “nell’aspetto”, ma assolutamente diversi “nell’agire”. Da qui, una serie di equivoci li porterà al confronto assurdo della vita, che farà riflettere lo spettatore attraverso due canali importanti: il dramma e la risata.

In scena accanto ai due registi Lilia Romeo e Michele Anello anche Danilo Armenio, Adelaide Caserta, Samanta Ambra, Mimmo Mauri, Diego D’Arrigo, Angelo Ariosto,  Antonio Calì, Salvatore Scolloe con la partecipazione dei Giovani talenti dell’Accademia “Colatalavica”.