Cultura e Spett. Eventi Favara Favara Primo piano

Al Castello Chiaramonte nel pomeriggio si ricorda Antonio Patti, figlio illustre di Favara, prematuramente scomparso

Tutela AmbientebiowoodheaterSCUOLA GUARINO

Medico, intellettuale, scrittore, critico letterario, cittadino benemerito di Favara, Antonio Patti, scomparso nel mese di agosto, sarà ricordato nel pomeriggio di oggi al Castello Chiaramonte su iniziativa del Centro culturale “Renato Guttuso” e del Comune.
Patologo clinico, specializzato in igiene e medicina preventiva e in ematologia, Antonio Patti, classe 1950, ha sempre unito il suo lavoro alle sue passioni, due su tutte: l’amore per le piante e per la scrittura. E’ stato redattore del trimestrale Progetto salute e di Prospettive mediche, rivista dell’Ordine dei Medici di Agrigento, editorialista del settimanale “La Mela”, ha collaborato con la casa editrice “Medinova”. Ha pubblicato racconti e poesie; ha scritto recensioni, prefazioni e postfazioni, curato l’editing di numerose pubblicazioni e la presentazione di mostre d’arte e di libri. Non è mancato l’impegno in campo sociale e in politica. Ha ricoperto, infatti, per alcuni mesi la carica di assessore al Comune di Favara. “Pilastro fondamentale del Centro Renato Guttuso e presidente delle giurie del “Premio d’arte e cultura siciliana Ignazio Buttitta” Antonio Patti è stato un grande amico, una persona perbene e un grandissimo intellettuale – ricorda la presidente Lina Urso Gucciardino –. Abbiamo voluto organizzare, unitamente al Comune di Favara una serata in suo onore, per ricordarlo in tutti i suoi molteplici campi di interesse, ma anche per portarlo a esempio per le nuove generazioni”.
La poliedrica figura di Antonio Patti sarà ricordata dal sindaco Antonio Palumbo, dai familiari, dagli amici e colleghi, da intellettuali e scrittori e da quanti hanno avuto il privilegio di conoscerlo e apprezzarlo.

COOPERATIVA SANTANNA