Favara Politica Primo piano Provincia

Favara. I consiglieri dissidenti del M5S sui neo assessori: ” La nomina di un assessore in più dimostra che più che della città ci si vuole occupare delle poltrone”

 

 

Intervengono con un comunicato stampa i 7 consiglieri dissidenti del M5S sulla nomina dei neo assessori. A firmare la nota Sanfratello Carmelo, Pirrera Calogero, Liotta Massimo, Baio Danila, Sorce Giuseppe, Costa Carmelo e Sciara Giusy i quali- sottolineano che la scelta dei nomi ha poco a che fare con l’apertura alla società civile ma, bensì, sui giochi di possibile maggioranza in consiglio comunale. Ricordiamo che la sfiducia alla sindaca Anna Alba ha palesato l’inesistenza di una vera e compatta maggioranza, di sicuro non più targata M5S. Di seguito la nota integrale dei sette consiglieri comunali.

“L’unica nota positiva di ieri è che finalmente Favara ha una giunta al completo e che le deleghe nei ruoli cardine sono state assegnate. Non entriamo nel merito dei nomi degli assessori, anche se è bene precisare che non hanno mai fatto parte del Movimento 5 stelle, ci auguriamo che possano fin da subito mettersi a disposizione della comunità favarese e dare quello slancio e quel quid che ancora Favara aspetta. Proprio per questo motivo auguriamo buon lavoro ai nuovi assessori, come sempre però non faremo sconti e ci sarà un’opposizione dura ma responsabile, Ci auguriamo inoltre che, a differenza di quanto fatto fino ad ora ci sia un coinvolgimento di tutti i consiglieri nelle scelte strategiche per la città.

 

Ma non possiamo non entrare nel merito delle nomine, nomine partorite dopo una lunga attesa di tira e molla tra l’amministrazione e gli ex consiglieri di minoranza, che oggi sono maggioranza a tutti gli effetti. La nomina di un assessore in più dimostra che più che della città ci si vuole occupare delle poltrone, tutti contenti, i numeri adesso probabilmente ci sono, ma per onestà intellettuale bisogna dire alla città chi adesso fa parte della maggioranza e sostiene l’amministrazione Alba. Lo dovrebbe dire il sindaco, ma anche gli stessi consiglieri che hanno contribuito a formare la nuova giunta. Si vedrà mercoledì in consiglio comunale chi sono i nuovi azionisti dell’amministrazione Alba. A proposito, come fa il Sindaco a sapere che mercoledì 11 c’è consiglio comunale senza che nessun consigliere sia stato avvisato? Come fa a saperlo senza che ancora ci sia una convocazione ufficiale?
L’abbiamo detto più volte e lo ribadiamo, il Presidente del Consiglio deve fare l’interesse dei consiglieri non del sindaco, questa ennesima caduta di stile dimostra che non svolge il suo ruolo in modo consono, mancando di rispetto all’intero consiglio comunale.
Quanto ai consiglieri del M5S che sostengono il Sindaco, siamo sbalorditi da come abbiano potuto accettare una simile situazione di ricatto senza batter ciglio accettando in toto i nomi che sono stati dati dai consiglieri che fino a qualche mese fa facevano parte dell’opposizione.
Attendiamo che i consiglieri della nuova maggioranza Alba rivendichino la paternità dei 3 assessori. Perché alla storiella trita e ritrita della “società civile” non crede più nessuno”.