CRONACA Politica Primo piano Provincia Sicilia

Politica. Nuccia Palermo (Lega- Salvini Premier): “Il sindaco di Sciacca Francesca Valenti esempio di una sinistra fallimentare”

L’azzeramento della giunta comunale da parte del sindaco di Sciacca Francesca Valenti, diventa motivo di intervento da parte del consigliere comunale di Agrigento Nuccia Palermo. Nella sua nota stampa, la Palermo- capogruppo della Lega- Salvini Premier in consiglio comunale- sottolinea lo sfacelo della sinistra in provincia, palesato proprio dall’azzeramento coatto della giunta da parte del sindaco.

“Una sinistra sempre più fallimentare e allo sbaraglio che continua a danneggiare una provincia, quella agrigentina, che necessita di un colpo di reni per uscire dal pantano in cui la vecchia classe politica l’ha intrappolata.  L’operato del Sindaco di Sciacca, Francesca Valenti, ne è uno dei tantissimi esempi che con l’azzeramento della Giunta ha palesato, tra l’altro, la propria debolezza preoccupandosi troppo di equilibri interni e troppo poco del bene della città”. Sono parole che tuonano ed arrivano dal Comune Capoluogo di Provincia. È, infatti, Nuccia Palermo, in rappresentanza della LEGA – Salvini Premier, che accende i riflettori sull’importante comune marinaro governato da circa un anno e mezzo dal Centro Sinistra nella persona del Sindaco Francesca Valenti. “Sciacca vive soprattutto di agricoltura, pesca e turismo, materie che sembrano sconosciute al Primo Cittadino mentre – scrive Nuccia Palermo – il comparto degli armatori e le aziende agricole urlano nel tentativo di un dialogo proficuo mai iniziato. Ovviamente questi sono solo alcuni dei grossi problemi che sembrano, vista la gestione, irrisolvibili e che uccidono il tessuto economico e sociale di Sciacca. Sciacca, come tutta la provincia di Agrigento, merita un cambio di passo – conclude Nuccia Palermo- e siamo già pronti ad iniziarlo. Sulla lunga durata politica della nuova Giunta e dell’amministrazione a firma Valenti, visto il percorso già effettuato, sorgono più che notevoli dubbi”.